mercoledì 26 dicembre 2012

Da ANSA.it:
"Un volantino affisso dal parroco alla bacheca della chiesa di san Terenzo (Lerici) che 'reinterpreta' la lettera pastorale 'Mulieres dignitatem' e solleva dubbi sul 'femminicidio', accusando in sostanza le donne di essersi allontanate dalla virtù e dalla famiglia sta scatenato una rovente polemica.
Don Piero Corsi - che ha affisso l'estratto dalla lettera apostolica commentata dall'editorialista del sito Pontifex.it dal titolo ''Le donne e il femminicidio, facciano sana autocritica. Quante volte provocano?'' - era gia' noto alle cronache per la sua passione al 'tatsebao', avendo gia' dedicato fogliettoni satirici contro l'Islam e contro gli immigrati appesi alla porta della chiesa.
Il volantino comincia con "l'analisi del fenomeno che i soliti tromboni di giornali e tv chiamano appunto 'femminicidio'". "Una stampa fanatica e deviata attribuisce all'uomo che non accetterebbe la separazione questa spinta alla violenza", si legge nel volantino. Che prosegue: "Domandiamoci: Possibile che in un sol colpo gli uomini siano impazziti? Non lo crediamo. Il nodo sta nel fatto che le donne sempre più spesso provocano, cadono nell'arroganza, si credono autosufficienti e finiscono con esasperare le tensioni. Bambini abbandonati a loro stessi, case sporche, piatti in tavola freddi e da fast food, vestiti sudici. Dunque se una famiglia finisce a ramengo e si arriva al delitto (forma di violenza da condannare e punire con fermezza) spesso le responsabilità sono condivise".
Il volantino esamina poi la questione della violenza sessuale: "Quante volte vediamo ragazze e signore mature circolare per strada con vestiti provocanti e succinti? quanti tradimenti si consumano sui luoghi di lavoro, nelle palestre e nei cinema? Potrebbero farne a meno. Costoro provocano gli istinti peggiori e poi si arriva alla violenza o abuso sessuale (lo ribadiamo. roba da mascalzoni). Facciano un sano esame di coscienza: forse questo ce lo siamo cercate anche noi?"."

Piero Corsi  (parroco di San Terenzo)  a Natale ci ha messo del suo per scalare la classifica dei personaggi
più orridi e schifosi del momento e ora si trova al primo posto.
La vittima diventa colpevole... che dire? Troppo spumante e troppo vino o è scemo di suo?
La seconda che ho detto.
Vorrei ricordare a questo spregevole esemplare della fauna maschile (per fortuna ci sono anche esemplari pregevoli) che le donne non è che si credono autosufficienti, SONO autosufficienti e che, come recitava un vecchio slogan femminista "una donna ha bisogno di un uomo come un pesce di una bicicletta" non dimenticarlo mai vecchio trombone rincoglionito!
E comunque complimenti alla redazione del tg regionale: ne hanno parlato i tg nazionali ma in quello della Liguria non si è spesa nemmeno una parola per questo imbecille. 
Il bigottismo dilaga!
Alba Latella

11 commenti:

  1. Cosa dire...che sia un imbecille è poco!! in Italia 116 donne uccise in un anno, la maggior parte uccise tra le mura domestiche, da mariti ,fidanzati,conviventi.
    Cosa c entrano comportamenti provocatori??
    Ignorante che non sei altro!!!!
    Poi una ragazza non è libera di mettersi una minigonna e dei tacchi alti e camminare per strada??? chi provoca??? idiota del cazzo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me ha 100 volte ragione. e non si tratta di difendere stupratori, quelli si, esseri spregevoli. (spesso extracomunitari difesi da tutti voi anime belle). Socialmente l europa non esiste piu. vedi es. francia, uk, ecc. xche il ruolo della donna nella famiglia e venuto meno.

      Elimina
  2. Bisogna notare che il TG3 della Liguria è un vergognoso Tg confessionale, quando proprio è costretto a occuparsi delle marachelle dei vari preti addirittura finisce per mettere in dubbio che le vittime di preti pedofili abbiano detto la verità... un po' come fa questo fascista di Piero Corsi, che trasforma i carnefici in vittime e viceversa...

    RispondiElimina
  3. Come dice Virgilio a Dante: "Non ragioniam di lor, ma guarda e passa."

    E' inutile incavolarsi: facciamo sana educazione sessuale, viviamo liberi noi per primi con il nostro esempio e magari organizziamo una bella orgia (in estate ovvio) in piazza per protesta, giusto per fargli vedere che preferiamo l'amore alla loro stupida violenza moralista :)

    RispondiElimina
  4. Grande Joker.....ah ah ah!!! io sono molto critico su certi atteggiamenti di certe donne,ripeto di certe donne,però da li a dire che sono loro a provocare certi comportamenti omicidi ce ne passa!!!!
    Decidiamo la piazza e organizziamo l orgia!!!! opto per Piazza del Campo a Siena,oppure piazza del Duomo a Milano.....

    RispondiElimina
  5. Molto meglio Siena! Anche la Toscana è sempre stata una regione più aperta e siamo più vicini a Roma :)

    Scusate Alba e Michelle, se usiamo il vostro blog per organizzare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci fa solo piacere se organizzate!! Continuate così!
      Baci

      Elimina
    2. In piazza purtroppo la vedo dura in inverno, ma pensavo di rivolgermi al Siena Privé, visto che mi piace molto la città.

      Voi lo conoscete?
      Se riesco a mettere in piedi l'evento, mi aiutereste a fare un po' di pubblicità?

      Siete due grandi!
      Baci!

      Elimina
    3. la pubblicità mi sembra il minimo! Facci sapere.

      Elimina
  6. Questo è bigottismo alla stato puro,non è possibile colpevolizzare le donne se sono vittime di certi animali travestiti da uomini..
    Maledetti voi e la vostra chiesa...

    RispondiElimina
  7. Purtroppo non ci si puo' stupire di questi personaggi schifosi,oramai lo sappiamo che predicano "bene" ma poi in realtà sono pedofili,stupratori,spacciatori,mafiosi!!!

    RispondiElimina

Il Canale di Michelle e Alba su YouTube

Loading...